Tag Archives: Silvio Berlusconi

San Silvio tra-fitto

5 Feb

image

Quando i problemi arrivano, arrivano a mazzetti.
Chi ha qualche primavera come me, questo tipo di esperienza l’ha fatta più volte, e  ha constatato che le sorprese più grandi e dolorose arrivano da chi ti sta più vicino, e dai più beneficiati.
Silvio Berlusconi non sfugge a questa verità.
Ormai si è perso il conto di quanti lo hanno prima usato e poi tradito , sempre con una scusa pronta da vendere ai gonzi che ci credono . In realtà la vogliono vendere prima che ad ogni altro a se stessi per non sentirsi un verme.
I fatti recenti sono eclatanti.
Il nostro Pinocchio nazionale, che con democristiana abilità, tiene il piede in tre scarpe,  non mantiene le promesse e gli impegni, e aggiunge alla mancanza di affidabilità una  sfrontatezza incredibile.
Berlusconi dovrebbe sapere che sedersi ad un tavolo per fare accordi con un democristiano è abbastanza rischioso e pericoloso.
Le precauzioni non sono mai abbastanza, e
anche se si va col vocabolario dei sinonimi  o  anche con un professore di lettere per sapere quali sono tutti i significati delle parole che vengono dette, il democristiano conia parole nuove di significato dubbio che possono essere lette a seconda della bisogna. Chi non ricorda le famose”convergenze parallele”!1 e lo “stai sereno” di recente coniazione.?
Nessuno sa ,salvo chi ha partecipato quali siano stati gli accordi del famoso “patto del nazareno”, ciò che tutti sanno però è che non è stato rispettato, e Berlusconi si è preso una “Mattarellata.”
Il nome del patto “del Nazareno” conteneva un significato nascosto che si rifà alla storia del  Nazareno,  del Vangelo: lo hanno tradito e messo in croce.
A Berlusconi non è toccata la croce fisica, ma quella psichica, per certi versi più dolorosa;l’ennesimo attacco di uno dei suoi beneficiati:Fitto.
È stato un attacco che riporta alla mente   le frecce che hanno martirizzato Sebastiano, diventato santo appunto per questo.
È facendo queste considerazioni che  quasi senza volere la mano si è mossa sul foglio e ha disegnato.
Ecco San Silvio, tra-Fitto.

Scritto con WordPress per Android

LA LEGGE E’…………….? Come battere Silvio e farne un martire!

27 Giu

20130627_173131-1

 

 

Come battere Silvio Berlusconi, e farne un martire!

 

In tutti i tribunali Italiani campeggia la scritta a caratteri cubitali”LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI”.

 

Purtroppo non è vero, in Italia la legge è interpretata moltissime volte in funzione del credo politico dei Giudici, chiamati invece a essere imparziali e apolitici e protetti dalla Costituzione vigente in modo oserei dire scandaloso.

 

Non sono responsabili degli errori e così quando sbagliano, non sono loro a pagare ma pagano tutti gli Italiani.

 

Chi ha avuto modo di frequentare i tribunali, in qualsiasi veste, imputato o parte lesa, ha avuto modo di sperimentare sulla sua pelle cosa vuol dire entrare in questo ingranaggio e subire il trattamento che la maggior parte dei Giudici riservano agli “inferiori” i normali cittadini che di fronte ai modi bruschi e alla protervia si sentono intimiditi.

 

Solo i delinquenti incalliti riescono a comportarsi in modo normale. In ogni caso il senso di soggezione determinato proprio dal modus operandi degli addetti è visibile.

 

Tutto questo è certamente determinato dalla certezza che chi ti giudica, sapendo di non essere responsabile non va per il sottile, tanto giusto si giusto no, non subirà nessuna conseguenza.

 

Forti di questa prerogativa e usi allo stato d’impunità, e non essendo delle macchine, trasferiscono i loro sentimenti e credo politico nella loro attività. Se fossero responsabili, il loro comportamento sarebbe certamente diverso, più educato, più ragionevole e più attento a non commettere errori, ma purtroppo è così, e fino a che non cambieranno gli articoli della costituzione che li riguarda, niente cambierà.

 

L’art. 104 Cost recita” La magistratura è un Ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere”.

 

In questa frase è già insita la dichiarazione, in qualche modo nascosta da un lessico sottile ma chiaro, il concetto di “Potere”. La Magistratura è un Ordine, ma una sua parte, organizzata in correnti, (orrore) si comporta come un “Potere assoluto”, insindacabile, e di conseguenza decide di procedere in qualsiasi modo diritta al suo obiettivo: battere Berlusconi per via giudiziale.

 

Il numero impressionante dei processi e le motivazioni di alcune sentenze sono lì a dimostrare che purtroppo questa è la situazione reale.

 

Berlusconi era già un personaggio del mondo industriale da anni, ma solo dopo la sua discesa in campo sono cominciate le indagini a tappeto, con tutto quello che abbiamo visto.

 

Chi dice che non è vero, mente sapendo di mentire, accecato dall’odio per l’avversario.

 

Un avversario che costantemente li batte alle elezioni politiche, che da venti anni impedisce la realizzazione della società così come la vorrebbero i sinistri e gli accoliti.

 

Basta leggere i commenti sul social network, o seguire le varie trasmissioni della televisione per rendersene conto, parolacce insulti, acredine, invidia, cattiverie, un campionario dell’imbecillità di molti.

 

Dovrebbero però rendersi conto che questa persecuzione fa di Silvio Berlusconi, un martire, e i martiri non si dimenticano e diventano ancora più carismatici e seguiti.